Polizia Municipale

Polizia Municipale

Orario al pubblico

  lunedì martedì   mercoledì  giovedì  venerdì
 mattino  9 - 10  9 - 10  9 - 10  9 - 10  9 - 10
 pomeriggio    18 - 19      18 - 19

sabato e domenica: chiuso

UN PO’ DI STORIA
(fonte: Comitato di Redazione della Polizia Locale della Regione Piemonte)

Leggendo il “Gran dizionario piemontese-italiano” di Vittorio di Sant’Albino – Torino dalla società l’unione Tipografico-Editrice dell’anno 1859 al sostantivo “civich” si legge: “soldato a guardia al servizio de’ magistrati municipali, guardia civica. Guardia incaricata di vegliare al mantenimento dell’ordine”.
Con la creazione dell’amministrazione di Pubblica Sicurezza per tutto il territorio nazionale, fu soppressa la figura del Vicario e le Guardie Civiche furono sostituite dal Corpo delle Guardie Municipali di Polizia Urbana.
Durante il periodo fascista tutta l’amministrazione pubblica dipese direttamente dal potere centrale e quindi vennero affidati alle Guardie di Polizia compiti eterogenei, determinando così una lenta ma sostanziale opera di trasformazione del Corpo di Polizia Municipale; apparve una nuova denominazione: Vigili urbani.
Soltanto dopo la seconda guerra mondiale vennero ristabilite le funzioni proprie del Corpo, ricostruendo poco per volta una identità specifica che è confluita nella legge-quadro del 1986, in cui ricompare la definizione di Agenti di Polizia Municipale.
A livello legislativo le norme alle quali è necessario riferirsi sono la Legge 7 marzo 1986, n. 65 “Legge quadro sull’ordinamento della polizia municipale”, la legge regionale 30 novembre 1987, n. 58 “Norme in materia di polizia locale” e la legge regionale 16 Dicembre 1991, n.57 “Integrazione alla legge regionale 30 novembre 1987, n. 58, concernente Norme in materia di Polizia Locale”.
In breve l’articolo 1 della Legge 65/1986 stabilisce che “I Comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine può essere appositamente organizzato un servizio di Polizia Municipale. …”.
Spetta al Sindaco, o all’Assessore da lui incaricato, impartire le direttive, vigilare sull’espletamento del servizio e adottare i provvedimenti previsti dalle leggi e dai regolamenti.
Per sottolineare la professionalità richiesta al personale della polizia municipale il legislatore regionale piemontese ha, già nel lontano 1987, previsto specifici corsi prima dell’immissione in ruolo per il personale di nuova assunzione e corsi di aggiornamento e di qualificazione professionale per il personale già in servizio.
Con legge regionale 16 dicembre 1991, n. 57 “Integrazione alla legge regionale 30 novembre 1987, n. 58, concernente Norme in materia di Polizia locale” ha uniformato, a livello regionale, gli aspetti visivi delle uniformi e dei segni distintivi e dei mezzi operativi, definendo le caratteristiche distintive delle uniformi stesse, dei gradi e dei veicoli della Polizia Locale.

IL SERVIZIO

Il servizio Polizia Municipale, composto da due agenti ed un esecutore con competenza di ausiliario del traffico, a differenza delle altre forze di polizia, ha competenza esclusivamente legata al territorio dell’ente di appartenenza in quanto amministrativa e soggiace a normativa Statale, Regionale e Comunale.
Oltre ai normali servizi di polizia stradale (contravvenzioni a violazione del codice della strada, viabilità, controllo del traffico ecc…), è costantemente impegnata nel controllo del territorio.
La Polizia Municipale collabora con tutti gli Uffici Comunale e la Squadra Tecnica per tutte quelle attività che si rendono necessarie al buon funzionamento dell’ente.
In realtà la Polizia Locale è investita di una serie di attribuzioni e compiti istituzionali di notevole estensione e di fondamentale importanza per la collettività.
Sono compiti derivati dal continuo evolversi della vita sociale e dalle necessità che sorgono dalla comunità locale.
Nella gran parte dei casi il lavoro della Polizia Locale si realizza in stretta collaborazione con altre istituzioni; ciò rende ancora più difficile, per il cittadino comune, averne un quadro di insieme.

Ecco in sintesi i principali campi di intervento:

VIABILITA' E SICUREZZA STRADALE
-regolazione del traffico
-prevenzione e accertamento delle violazioni nella circolazione stradale
-rilevazione degli incidenti stradali
-servizio rimozione veicoli
-insegnamento dell’educazione stradale nelle scuole
-rilascio permessi per occupazioni temporanee di suolo pubblico

ATTIVITÀ ECONOMICHE E PRODUTTIVE
-controlli e repressione degli illeciti riguardanti il commercio fisso e ambulante
-controlli sulle licenze, le iscrizioni in registri, le approvazioni e in genere su tutte quelle
attività che necessitano di autorizzazione
-gestione del mercato settimanale e delle castagne in autunno
-verifiche su impianti pubblicitari

TUTELA DELL'AMBIENTE, DEL TERRITORIO E DELLA QUALITA'DELLA VITA URBANA
-prevenzione e repressione dell'abusivismo edilizio, vigilanza sulla applicazione delle
leggi a tutela dell'ambiente e della sua salubrità
-interventi per i rumori molesti
-controllo e tutela degli animali
-indizione aste per lotti boschivi
-controllo mediante videosorveglianza

DISAGIO SOCIALE
-attività di aiuto e tutela alle fasce “deboli” della popolazione
-collaborazione con i Servizi Sociali
-rilascio permessi di circolazione e sosta invalidi

ALTRI SERVIZI
-servizi di scorta e rappresentanza
-svolgimento di verifiche per conto del Servizio Anagrafe, degli uffici giudiziari, di altre
istituzioni pubbliche
-consegna ai cittadini di atti di notifica
-funzione di collegamento tra il cittadino ed i vari servizi comunali (in particolare il
Servizio Tecnico)
-ricezione denunce di smarrimento documenti
-gestione servizio scuolabus
-gestione servizio di pesatura pubblica
-gestione calendario di utilizzo delle strutture comunali

L'Agente di Polizia Locale, nell'ambito del territorio comunale, esercita anche funzioni e compiti analoghi a quelli delle altre forze di Polizia dello Stato contribuendo, specie nell'ambito della microcriminalità diffusa, alla prevenzione e repressione di quei reati che minano la sicurezza dei cittadini.
In questo campo i Vigili Urbani intervengono per iniziativa diretta quando sono presenti al momento in cui viene commesso un reato, o agiscono, in limitati e speciali casi (sequestri, arresti, interrogatori, tentativi di conciliazione) su delega o per l'esecuzione di provvedimenti emessi dall'autorità giudiziaria.

IL RAPPORTO CON I CITTADINI
La Polizia Locale ritiene di grande importanza stabilire con la cittadinanza un rapporto di collaborazione e di fiducia.

Informazioni aggiuntive